Cosa vedere a Bruges? Tra leggenda e storia

Cosa vedere a Bruges, città medievale di Belgio dove la storia si contrappone alla leggenda? Ecco tutti i luoghi da scoprire per vivere un week end all’interno del fascino tra canali e viottoli.

Che cosa vedere a Bruges

Se già il Belgio è meraviglioso, Bruges è una cittadina che lascia il segno nel cuore di tutti i suoi turisti. Ha saputo nel tempo conservare il suo aspetto medievale fermandosi e creando questa atmosfera incantevole che diventa magica sia in inverno e sia in estate. I suoi colori, vecchi ponti, i canali e la tradizione che è legata a questa cittadina la rendono abitabile e un luogo da visitare anche solo per un week end.

Ideale in estate per godere di tutte le sue bellezze, ma anche in inverno durante il periodo di Natale con i mercatini – le canzoncine che suonano lungo tutte stradine pedonali e una atmofera quasi da fiaba. Ma quali sono i posti che non bisogna assolutamente perdere tra una tazza di cioccolata calda e un pasticcino?

  • Markt

Semplicemente la piazza del mercato che era il centro commerciale di Bruges in epoca medievale. Tutto si è conservato come allora diventando uno dei punti turistici strategici più amati. Il perché di tutto questo è molto chiaro, infatti la piazza si accompagna da case con il tetto a punto colorati che sono occupate da locali con ristoranti e caffè dominati dalla torre campanaria massiccia e alta ben 83 metri, diventata Patrimonio Umanità Unesco.

Per visitarlo bisogna salire ben 366 scalini in sviluppo verticale che consentono ai turisti di poter arrivare alla cima del campanile e godere di una vista spettacolare anche in inverno, quando la nebbia è fitta e il freddo è pungente. C’è un carillon con 47 campane che suonano in maniera manuale e che donano a tutta Bruges una nota storica accattivante. Vicino al campanile si trova il neogotico Palazzo Provinciale e il Palazzo delle Poste con i suoi mattoni rossi che dona un tocco armonico a tutto quanto lo spazio.

  • Burg

Se una volta questa era sede del castello fortificato proprio per proteggersi dai Vichinghi ora è un luogo sacro e di grande importanza storica. La piazza era il cuore religioso e anche amministrativo della città e tutti gli edifici storici che si possono ammirare ne danno testimonianza mentre si cammina.

La Sala Gotica è un vero e proprio capolavoro con i suoi dipinti del 1400 che ilustrano passo dopo passo tutta la storia della città. Vicino al Municipio si può nostare l’ex Registro Civile che ha uno stile prettamente rinascimentale e che oggi è sede del Museo Storico di Bruges con il camino in legno antico e tutto il marmo in onore di Carlo V. Barocco.

  • Basilica del Santo Sangue

Questa basilica è molto importante e da otto secoli conserva al suo interno un frammento di tessuto che sembra essere stato usato per asciugare il sangue di Cristo, dopo la crocifissione. Una reliqua sacra che è contenuta all’interno di un flacone di cristallo protetto da un contenitore di vetro impreziosito da una coroncina in oro.

  • Begijnhof

Un luogo di culto molto importante con le mura che costeggiano e proteggono delle case bianche una volta abitate dalle beghine e oggi residenza delle Monache dell’Ordine di San Benedetto. È uno dei complessi meglio tenuti del XIII secolo e oggi qui tutto sembra essere come nuovo, anch’esso insertito tra i Beni del Patrimonio Umanità Unesco.

È percepibile uno spirito mistico molto sviluppato al suo interno ed è sicuramente una oasi di pace nel cuore di questa cittadina medievale. Dopo le 18.30 tutto si chiude e si lascia alla vita interna, dove nessun visitatore può entrare e verificare cosa accade, anche solo per curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi